id Software sta cercando di impedire a un uomo di chiamare la propria band “Doomscroll”

Doomscrolling” è un termine inglese che viene utilizzato quando si passa troppo tempo su un social media a leggere notizie negative. Perché ci interessa? Perché un chitarrista di Dallas (Texas) ha pensato che sarebbe un nome perfetto per la propria band. Perché ci interessa? Perché id Software, sviluppatore di DOOM, ha deciso di impedirglielo e la causa legale potrebbe andare avanti fino al 2023.

Come segnalato da Wired e poi riportato anche su Kotaku, il chitarrista in questione è Dustin Mitchell ed è di fronte a una potenziale battaglia con id Software basata sulla parola “Doomscroll” e sul fatto che voglia usarlo come nome per la sua nuova “band metal thrash progressiva”. Mitchell ha scoperto la parola leggendo una notizia di una donna che aveva distrutto delle maschere facciali presso una sede di Target e che aveva commentato la cosa con l’espressione “Tutto quello che ho fatto è stato fare doomscroll”. L’uomo ha apprezzato il suono della parola e ha deciso di usarla per la propria band. A febbraio, l’uomo ha poi deciso di registrare il nome all’ufficio marchi e brevetti.

Una scena di DOOM Eternal
Una scena di DOOM Eternal

Il 13 ottobre, il giorno precedente alla conferma definitiva del marchio, ha ricevuto un’email da un avvocato che rappresenta id Software. L’avvocato ha chiesto a Mitchell di ritardare la conferma della registrazione del marchio di trenta giorni per evitare di subire ripercussioni legali. Mitchell, un fan dei vecchi DOOM, ha parlato con Wired e ha affermato che dal suo punto di vista la società videoludica stava cercando di “prendere qualcosa che non è minimamente legato a loro”.

Un avvocato ha spiegato a Wired che Mitchell ha tutto il diritto di ottenere il controllo sul marchio “Doomscroll” in ambito musicale. Gli avvocati di id Software, però, stanno probabilmente cercando di evitare che vi sia confusione con il nome Doom. Non è nemmeno la prima volta che questo accade: ad esempio un evento rock metal chiamato “Maryland Doom fest” è stato bloccato e lo stesso è accaduto con un podcast chiamato “Garden of Doom”.

La decisione finale sarà presa in tribunale, ma il tutto avverrà nel 2023, a meno che Mitchell non si arrenda prima. Rimanendo in tema, Doom o Quake in arrivo? id Software lavora a un action FPS da una lunga e iconica serie.

Scopri altro su Salva-Euro

Seguici Salva-Euro su Facebook

Altre news in Games

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui