Google Pixel 5 affronta un durability test anomalo, come se la caverà?

A differenza dei modelli precedenti Google ha scelto una soluzione in alluminio unibody per il suo Google Pixel 5, utilizzando una copertura in bioresina per garantire il funzionamento della ricarica wireless. Era dunque inevitabile che una simile soluzione catturasse l’attenzione di JerryRigEverything, lo YouTuber diventato famoso per il suo durability test.

Ecco dunque che Google Pixel 5 finisce sul banco di Zack Nelson (vero nome dello YouTuber) per un test decisamente anomalo. Dopo aver mostrato la consueta resistenza del vetro frontale, un Gorilla Glass 6 che si riga con strumenti di livello 6 e 6, Zack prova a scoprire quanto sia spesso lo strato di resina utilizzata per ricoprire lo smartphone.


Il materiale, un polimero di origine vegetale, è stato utilizzato abbondantemente per proteggere tutto lo smartphone, risultando decisamente resistente, anche se il taglierino lo danneggia in modo permanente. Nel suo tentativo di scoprire il design utilizzato da Google per la ricarica wireless però accade qualcosa di inatteso, che impedisce di effettuare il test di resistenza al fuoco.

Va detto che la resina resiste all’acetone e per rimuovere “fette” di plastica è stato necessario ricorrere a una pistola termica e scaldare il materiale. È stato comunque possibile effettuare il bend test, che non ha riservato particolari sorprese, anche se lo schermo si scolla dallo chassis facendo di fatto perdere l’impermeabilità al dispositivo.

Non vi roviniamo dunque la sorpresa e vi lasciamo al video con l’anomalo durability test che ha visto come protagonista Google Pixel 5.

Potrebbe interessarti: Recensione Google Pixel 5

Scopri altro su Salva-Euro

Seguici Salva-Euro su Facebook

Altre news in Android

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui