Google lavora a un nuovo piano di archiviazione illimitato su Foto per i Pixel

Google Foto, come ben sappiamo, dal 1°giugno 2021 introdurrà una novità estremamente importante: niente più spazio di archiviazione illimitato di foto ad alta qualità su Google Foto. Gli utenti che vorranno continuare a caricare sul cloud le immagini a qualità alta, dovranno per forza di cose sottoscrivere un abbonamento mensile su Google One, a patto che non si possegga uno smartphone Pixel dalla seconda generazione in poi.

In arrivo un nuovo piano di archiviazione

In queste ore i colleghi di 9to5google, grazie al teardown dell’APK relativo alla versione 5.41 di Google Foto, hanno scoperto vari riferimenti ad un nuovo piano di archiviazione illimitato per gli utenti muniti di smartphone Google Pixel. Diverse stringhe di codice, infatti, fanno riferimento al piano “Storage saver” per offrire una “qualità leggermente ridotta” delle foto cariche sul cloud.


<string name=”photos_backup_settings_saver_title_with_description”>Storage saver (slightly reduced quality)</string>

L’elemento più importante del nuovo piano a cui starebbe lavorando il team di Google è il riferimento al suo aspetto gratuito e illimitato per gli utenti muniti di smartphone Pixel.

<string name=”photos_cloudstorage_strings_impl_policy_entry_pixel_saver”>Backing up in Storage saver from %s is free and unlimited</string>
<string name=”photos_cloudstorage_strings_impl_saver_learn_more_footer_pixel_express”>Unlimited storage in Storage saver or Express only applies to photos &amp; videos backed up from this Pixel device. &lt;a href=help:&gt;Learn more&lt;/a&gt;</string>

Il piano di archiviazione “Storage saver” potrebbe essere sfruttato da Google per spingere più utenti possibile ad acquistare uno smartphone Google, così da sfruttare un piano di archiviazione gratuito e illimitato di Google Foto.

Scopri altro su Salva-Euro

Seguici Salva-Euro su Facebook

Altre news in Android

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui