Amazon annuncia due programmi di economia circolare

Un’inchiesta del canale ITV aveva rivelato che Amazon distrugge milioni di prodotti invenduti ogni anno. L’azienda di Seattle ha ora annunciato due nuovi programmi della divisione Logistica che consentiranno alle PMI la rivendita dei prodotti restituiti dai clienti. L’obiettivo è favorire l’economia circolare.

Amazon: Liquidazione, Valutazione e Rivendita

Amazon spiega che i programmi dimostrano il duplice impegno dell’azienda nel supportare i partner e nel contribuire alla sostenibilità ambientale. Le piccole e medie imprese possono sfruttare un modo alternativo per ottenere valore dalla vendita dei prodotti. Allo stesso tempo si riduce la spazzatura e l’inquinamento, dando nuova vita ad oltre 300 milioni di prodotti all’anno.

Il programma “Liquidazione“, già attivo in Italia, Stati Uniti, Germania, Francia e Spagna (entro fine mese anche nel Regno Unito), consente alla PMI di utilizzare il canale e la tecnologia di rivendita all’ingrosso di Amazon per recuperare parte dei costi derivanti dalla restituzione dei prodotti o dalle scorte in eccesso (i clienti di Amazon pagano il deposito nei magazzini). Invece di chiedere la restituzione degli articoli restituiti o invenduti possono contattare direttamente i “liquidatori” all’ingrosso che collaborano con Amazon.

Il programma “Valutazione e Rivendita“, attivo nel Regno Unito, da fine anno negli Stati Uniti e dall’inizio del 2022 anche in Italia, Germania e Francia, permette alle aziende di vendere come usati gli articoli restituiti. Amazon valuterà l’articolo e gli assegnerà una delle quattro condizioni standard: Usato – come nuovo, Usato – molto buono, Usato – buono e Usato – accettabile. Le PMI potranno quindi scegliere il prezzo, gestire le promozioni e le vendite, utilizzando le tradizionali procedure, come per i nuovi articoli.

Amazon Italia ha iniziato ad utilizzare anche il programma “Donazioni“. I primi prodotti sono stati donati LILT (Lega Italiana Lotta ai Tumori) per un valore totale di oltre 100.000 euro. Grazie a queste e altre iniziative di sostenibilità, l’azienda di Seattle vuole mantenere gli impegni fissati con il Climate Pledge, ovvero zero emissioni di CO2 entro il 2040 e 100% di energia rinnovabile entro il 2025.

Scopri altro su Salva-Euro

Seguici Salva-Euro su Facebook

Altre news in Informatica

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui