Activision Blizzard applicherà il modello Call of Duty a tutti i suoi franchise

Activision Blizzard applicherà il modello Call of Duty a tutti i suoi franchise. Del resto la sua serie più importante ha contribuito in modo determinante a far registrare l’anno migliore della compagnia dalla sua fondazione.

A dirlo non è stato un passante qualsiasi, ma Bobby Kotick, il CEO del publisher, che ha parlato di Call of Duty come di un punto di riferimento. Sostanzialmente anche gli altri franchise saranno sparsi su più vettori possibili, tra uscite annuali premium, modalità free-to-play e giochi mobile. Ad esempio Diablo potrebbe essere il prossimo, visto che è già prevista l’uscita di un gioco mobile, Diablo Immortal, e del quarto capitolo della serie, Diablo IV, ma sicuramente ci sarà anche altro.

Tornando a Call of Duty, Kotick ha spiegato che l’anno scorso il franchise è stato giocato da 250 milioni di persone, contro i 70 milioni del 2018. Un incremento importantissimo, dovuto all’approccio social al franchise, che ha fruttato incassi record. Il dirigente ha fatto notare come chi gioca in gruppo sia più propenso a spendere in microtransazioni di chi gioca da solo.

In generale, i titoli di Activision Blizzard sono stati giocati da 400 milioni di giocatori unici nel 2020, cifra che Kotick vuole portare a 1 miliardo. Ce la farà?

Scopri altro su Salva-Euro

Seguici Salva-Euro su Facebook

Altre news in Games

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui